L’Autoesame della Bocca: come Prevenire il Cancro Orale

L’Autoesame della Bocca: come Prevenire il Cancro Orale

Voluta fortemente dall’OMS, in collaborazione con ANDI, ogni anno, nei mesi di maggio e giugno, viene promossa la campagna dell’ ORAL CANCER DAY, per sensibilizzare tutta la popolazione a quello che sta diventando un problema sempre più concreto: il tumore del cavo orale.

Ogni anno in Italia vengono diagnosticati 4.500 tumori del cavo orale.

Ogni visita odontoiatrica prevede una valutazione dei tessuti del cavo orale – lingua, guance, palato e mucose

Lo staff dello studio Dentistico Athena è in prima linea nella prevenzione del tumore della bocca, individuando lesioni precoci ed intercettando i fattori di rischio predisponenti

Ogni anno in Italia si registrano 3.000 decessi per cancro orale, Questo accade perché il tumore viene riconosciuto in una fase avanzata, quando non c’è più nulla da fare. Di tutti i tumori del cavo orale la lingua è la zona più colpita, rappresenta il 30% dei carcinomi orali. Il tumore della bocca è curabile solo se diagnosticato precocemente. I fattori di rischio del cancro orale sono :

. fumo
. alcool
. traumatismi cronici delle mucose orali
. scarsa igiene orale


L’autoesame della bocca è una pratica preventiva che può essere realizzata da chiunque; è fortemente consigliato in tutti i soggetti di sesso maschile e femminile e in particolare rivolto a coloro che fumano, bevono alcolici e hanno una scarsa igiene orale. E’ consigliabile effettuarlo 1 o 2 volte al mese .La tecnica dell’autoesame della bocca si basa su semplici manovre di ispezione e palpazione della cavità orale.

Prima di procedere con l’autoesame della bocca è necessario seguire piccoli accorgimenti:

. lavare bene le mani

. spazzolare i denti e detergere accuratamente tutta la bocca

. estrarre dalla bocca eventuali dispositivi mobili, protesici oppure ortodontici

Come effettuare L’ AUTOESAME della BOCCA:


1 STEP- labbro inferiore e superiore: osservare la mucosa esterna ed interna e valutare l’aspetto della mucosa che deve essere liscia, integra, umida, rosea e uniforme. Dopo aver rilevato eventuali discromie, ovvero alterazioni di colore della mucosa, si passa al punto successivo.

2 STEP- palpazione delle labbra: segnalare l’eventuale presenza di ispessimenti, noduli o ulcerazioni delle zone esaminate mediante palpazione.

3 STEP- gengiva aderente superiore e inferiore: spostando il labbro è possibile rilevare eventuali discromie, ovvero alterazioni di colore della mucosa della gengiva aderente; dopo aver valutato l’aspetto, si procede con la palpazione per valutare eventuale sanguinamento o sfaldamento della mucosa gengivale.

4 STEP- mucosa delle guance: anche in questo caso, l’aspetto dovrà essere liscio, integro, umido, roseo e uniforme. Dopo aver esaminato eventuali discromie, ovvero possibili macchie di colore: rosso, bianche o scure, è possibile procedere con il punto successivo.


5 STEP- palpazione delle guance: per valutare la possibile presenza di alterazioni tissutali (noduli, ispessimenti o ulcerazioni dei tessuti)

6 STEP- lingua: esaminare prima il dorso e poi spostandola da entrambi i lati, valutare il margine destro e sinistro. In genere l’aspetto della lingua deve risultare liscio e lievemente patinato. Dopo la valutazione dell’aspetto, si procede con la palpazione per escludere la presenza di eventuali tumefazioni, ulcerazioni e ispessimenti dell’organo.

7 STEP- pavimento della bocca: portare la lingua verso il palato e procedere con ispezione e palpazione della mucosa dietro l’arcata inferiore, segnalando eventuali variazioni di aspetto e consistenza della mucosa e delle strutture sottostanti.

8 STEP- palato duro, palato molle, tonsille e ugola: osservare eventuali variazioni cromatiche o di aspetto di tutto il palato e della zona corrispondente alle tonsille e all’ugola.

Qualunque lesione sospetta, che sia una macchia bianca, rossa o scura, una ferita che non guarisce, un rigonfiamento che non scompare nell’arco delle 2 settimane necessita di essere controllato. Prenota una visita da uno specialista del cavo orale. Ricordati in ogni caso di effettuare una visita di controllo 1 e/o 2 volte l’anno, perché molte lesioni del cavo orale possono non essere viste o essere asintomatiche e non dare fastidio. Il cancro orale molto spesso si manifesta in modo asintomatico ed è per questo motivo che è necessario effettuare le visite di controllo.

Scegli la prevenzione, prenota il tuo check up!! L’autoesame della bocca può salvarti la vita, vieni in studio! Ti insegniamo come fare!